IP Tracking ed i costi del biglietto aumentano

Tempo di lettura: 1 minuti

Quest’oggi mentre stavo acquistando un biglietto online su un noto sito riguardante la categoria dei mezzi di trasporto su rotaia mi è successa una cosa strana. Ho avviato la procedura di prenotazione, ho indicato le date e gli orari, e in poco tempo l’algoritmo di ricerca mi ha mostrato a video alcuni prezzi e servizi con cifre molto allettanti. Ho pensato: “bene la cifra è interessante ma devo far presto” poichè sotto ad ogni subtotale appariva l’allarmante sintagma posti in esaurimento.

Trascorsi una decina di minuti tra considerazioni personali e valutazioni alternative mi sono deciso a concludere l’acquisto e a proseguire la procedura online. Sfortunamente riaperta la pagina del browser, il sistema mi segnalava che la sessione per l’acquisto era scaduta: “poco importa! ci metto poco a ricompilare il tutto!”.  Ma completata la procedura, quasi per magia, i servizi e gli importi sulla stessa tratta nel medesimo orario erano mutati interamente, facendo registrare un incremento complessivo di circa il 25%.

Ma come è possibile che in soli 10 minuti di tempo ci sia stata un’altra persona che abbia acquistato esattamente un biglietto di andata e ritorno per la stessa tratta e nello stesso orario? Troppe coincidenze. Il motivo in realtà è molto più semplice e si chiama IP Tracking; si tratta di una tecnica basata sull’analisi dei file di log presenti sul server in cui risiede la pagina web consultata.
In particolare, ogni volta che avviene l’accesso ad un sito web, il server su cui risiedono le pagine riceve diversi dati del navigatore, tra cui il tipo di browser e di sistema operativo, la lingua del browser, l’indirizzo IP o l’indirizzo (URL) della pagina visitata. Inoltre, esistono anche procedure di tracking più complesse che consentono di memorizzare e analizzare dati più dettagliati, quali i clic del mouse o i comportamenti di scrolling.

In breve, con l’IP tracking il gestore del sito tiene traccia dell’indirizzo IP del navigatore e decide di mostrargli ciò che ritiene più idoneo a lui. Un po’ come accade anche per i messaggi pubblicitari indirizzati e mostrati in base ai comportamenti di navigazione. Se a tutto questo aggiungiamo l’aspetto commerciale e tutto ciò che ne comporta le conclusioni sono presto tratte. Come aggirare il problema? Se siete in casa spegnete e riaccendete il vostro router in modo tale che al successivo riavvio il vostro IP sarà cambiato e potrete prenotare risparmiando.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.