La ricerca del nostro nome può riservare sorprese

Tempo di lettura: 1 minuti

Inserire una parola chiave in un qualsiasi motore di ricerca è diventato un gesto talmente naturale che viene compiuto ripetutamente ogni qualvolta ci troviamo dinanzi ad un dubbio o ad una curiosità da voler soddisfare. Pochissimi istanti e Google, Yahoo, Bing o Ask ci tireranno fuori una serie di risultati che con una buona percentuale soddisferà i nostri requisiti o criteri di ricerca. Alla base di tale precisione vi sono le tecniche di SEO (search engine optimization) e SEM (search engine marketing), che sono utilizzate da sviluppatori, programmatori ed esperti di web

marketing per “indicizzare” tutte le pagine ed i contenuti generati o prodotti all’interno di un sito internet.
Ma non mi soffermerò su questa tematica che è possibile approfondire grazie alla vastissima documentazione reperibile online ed offline; bensì cercherò di analizzare cosa comportano tali tecniche, quali sorprese ci possono riservare, nonché come la censura può influenzare i risultati.

Avete mai provato a digitare il vostro nome e cognome in un motore di ricerca? Sul web, oggi, circola una quantità in continuo aumento di informazioni personali o che ci riguardano direttamente. Solo per fare un esempio, un amico potrebbe menzionare il nostro nome su un social network o taggarci in alcune foto online; o ancora il nostro nome potrebbe comparire in post di blog o articoli semplicemente perchè abbiamo postato un commento. La web reputation non dev’essere sottovalutata per nessuna ragione, così come bisogna essere sempre consapevoli delle conseguenze generate dai siti altamente indicizzati.

Fortunamente i motori di ricerca stanno adottando tecniche e form di contatto per richiedere la rimozione di contenuti indesiderati. Nel caso di Google ad esempio, anche se si elimina il sito o l’immagine dai suoi risultati di ricerca, la pagina web in cui è immagazzinata l’informazione incriminata esisterà ancora e potrà essere trovata tramite l’URL del sito, o utilizzando altri motori di ricerca. La soluzione migliore, quindi, è quella di contattare direttamente il webmaster titolare del sito web, in modo tale da rimuovere completamente la pagina.

Ma scusate la digressione: una simile azione può essere considerata censura che influenza i risultati? Fin tanto si tratta di tutelare la propria reputazione da soprusi altrui o comportamenti poco corretti è giusto far valere i propri diritti con la rimozione dei contenuti. Non si può dire lo stesso per coloro che, di propria iniziativa, pubblicano ingenuamente contenuti senza alcun criterio apparente, o che ancora pensano al virtuale come indipendente dal vivere reale.

 

Un pensiero riguardo “La ricerca del nostro nome può riservare sorprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.